Islak burger, l’hamburger ‘bagnato’ di piazza Taksim

islak burger taksim

Difficoltà:

TEMPO:

30'

Dose:

Ingredienti

  • 250 gr

    macinata di manzo (un po' grassa)
  • 2 spicchi

    d'aglio
  • 1 ciuffo

    di prezzemolo
  • 2 cucchiaini

    di paprika dolce
  • 1

    scalogno piccolo
  • 200 ml

    passata di pomodoro
  • 1/2 cucchiaino

    zucchero
  • 2 panini

    da hamburger
  • Qb

    Olio EVO, sale, pepe

Qualche giorno fa, alla ricerca di ispirazione, stavo guardando un video girato ad Istanbul. In una scena, girata in piazza Taksim, venivano inquadrati dei chioschi che servono kebab e altre amenità da strada. Ad attirare la mia attenzione, più che quei fusi verticali grondante succo di carne arrostita ai quali oramai siamo abituati, sono state invece delle vetrinette verticali e chiuse, tipo quelle dove si fanno i pop corn. Solo che erano tutte appannate, come coperte di vapore acqueo, e soprattutto sopra c’era scritto hamburger. Quindi la domanda: che diavolo ci fanno degli hamburger in sauna?

Non sono mai stato ad Istanbul, quindi non potevo attingere alla memoria, e pertanto ho attinto al web. Ho scoperto dunque che l‘Islak Burger, ovvero letteralmente ‘hamburger bagnato’, è una specie di delizia nascosta di piazza Taksim, resa celebre da una visita di Anthony Bourdain nella sua serie No Reservations. Un panino semplicissimo che poggia su due pilastri fondamentali: una salsa di pomodoro e un sacco di vapore. Ho consultato tutte le ricette disponibili, come faccio di solito, per ponderare una versione che fosse autentica, possibilmente migliorata e soprattutto facile da fare in casa. E l’ho messa insieme. Ecco la mia versione per un Islak burger filologico quanto basta, ma saporito come non mai!

 

islak burger ricetta

Procedimento

-In una ciotola, unite la carne a prezzemolo, 1 spicchio d’aglio, scalogno (tutto tritato) e 1 cucchiaino di paprika. Amalgamante bene con le mani, quindi ricavatene due polpette e dategli la forma dell’hamburger. Lasciate riposare, meglio se in frigo.

-Nel frattempo, in una padella capiente, fate soffriggere l’altro spicchio d’aglio tritato in un filo d’olio, pepate e prima che l’aglio bruci aggiungete la passata di pomodoro. Regolate con sale, zucchero e paprika e fate restringere ben bene.

Tagliate i panini a metà e appoggiateli, con la parte tagliata verso il basso, sulla salsa di pomodoro ristretta. Lasciateli lì un paio di minuti, coprendo la padella con il coperchio, e poi lasciateli da parte su un piatto. Raccogliete il pomodoro avanzato in padella in una ciotolina e pulite la padella, vi servirà fra un minuto.

-Ora fate cuocere gli hamburger su una piastra ben calda, spennellandoli prima leggermente con un filo d’olio e condendoli con generoso sale e pepe. Basteranno due minuti per lato, quindi metteteli nei panini ‘impomodorati’

-Nella padella capiente del sugo, ora pulita, disponete due o tre fogli di carta forno bagnata, accartocciandoli un po’, per coprire tutta la superficie. Accendete il fuoco al massimo, mettete gli hamburger sui fogli, spalmateli con la salsa messa da parte e coprite la padella. Farete così cuocere i panini ‘al vapore’ per un paio di minuti, garantendo l’effetto ‘bagnato’. Servite subito e mangiate con ingordigia.

Sapete cos’altro va forte in Turkia? La Shakshuka a colazione! Uova, pomodoro, spezie, date un’occhiata alla mia ricetta!