La pizzeria che regala pizze a chi ne ha bisogno (per il Coronavirus)

pizzeria babbo natale milano

L’impatto che il focolaio italiano di Coronavirus sta avendo sulla ristorazione, non solo cinese, è sotto gli occhi di tutti. Ristoranti italiani, cinesi, etnici e regionali stanno affrontando una crisi senza precedenti e qualcuno, più economicamente fragile o solo per precauzione, già ha chiuso. Le serrande della pizzeria Babbo Natale di Milano, ad esempio, sono abbassate già da ieri. Il suo proprietario, Wael Kamil, non può obbligare i dipendenti più preoccupati a lavorare, la clientela da qualche giorno scarseggia e di consegne non se ne fanno. Restano, però, tanti ingredienti freschi che, da qui a qualche giorno, andranno buttati nell’umido. Quando Wael vede le foto che ritraggono i supermercati di Milano saccheggiati come il giorno prima dell’Armageddon, però, pensa che qualcuno potrebbe far fatica a procurarsi la cena, qualcuno che teme il contatto col pubblico, o che semplicemente non può spostarsi, o ha finito il pane. E allora pubblica quest’annuncio su un gruppo Facebook della zona di Nolo, a nord di Piazzale Loreto.

pizzeria regala pizze milano

L’ho chiamato per saperne di più e mi ha spiegato, semplicemente, quello che era chiaro già dallo scritto.

“È una somma di fattori. La pizzeria è chiusa, ma gli ingredienti abbondano, i supermercati sono vuoti e magari c’è qualcuno, penso agli anziani, che non ha potuto reperire il pane o la cena. E allora glie lo regaliamo, fino a esaurimento scorte. Noi non ci guadagnamo nulla, ma questo è il nostro quartiere e la nostra comunità e cercheremo sempre di essergli d’aiuto, per quanto possibile”

Ha già ricevuto qualche messaggio, e mi ha assicurato che lavorerà fino a tardi, magari anche domani, fino a esaurimento scorte. La serranda è chiusa ma lui è dentro, col forno acceso, a sfornare pizze per passarle sotto l’uscio. In attesa che i tempi siano migliori per riaprire la serranda fino in cima.