Pollo limone e olive, un po’ di Marocco senza tagine

pollo limone olive tagine

Difficoltà:

TEMPO:

30'

Dose:

Ingredienti

  • 400 gr

    petto di pollo
  • 1 cucchiaino

    paprika
  • 1/2 cucchiaino

    Curcuma
  • 1/4 cucchiaino

    zenzero in polvere
  • 1/4 cucchiaino

    cannella
  • 1/2 cucchiaino

    sale
  • 4 cucchiai

    olio EVO
  • 1/2 cucchiaino

    semi di cumino
  • 4 spicchi

    d'aglio
  • 1 piccola

    cipolla
  • 1

    limone
  • 2 cucchiai

    olive sott'olio
  • 50 ml

    acqua
  • 1 mazzetto

    di prezzemolo
  • Qb

    Sale e pepe

Mettiamo subito le mani avanti, intanto che sono libere dai coltelli: questa non è una ricetta marocchina. Tantomeno è una ricetta per lo squisito tagine di pollo con limone e olive, uno dei piatti più famosi della cucina del Marocco, perchè gli mancano praticamente tutti gli ingredienti fondamentali. A partire dai limoni in salamoia, sapidi e poco aspri, perchè in Italia sono praticamente introvabili e farli in casa è una questione di settimane e settimane. Non c’è il posteriore di pollo, sostituito da un petto molto più pratico per una cena infrasettimanale. Le olive sono quelle rivierasche e, soprattutto, sott’olio, quelle che albergano le dispense di tutti noi mortali. Manca, soprattutto, il tagine, la stoviglia di terracotta che garantisce grazie al suo coperchio appuntito un circolo del vapore unico, una cottura umida che concentra i sapori, ma che va padroneggiato e, soprattutto, acquistato. E allora che ricetta è?

È una ricettina veloce, divertente, da preparare con le poche cose che stanno in frigorifero ma che ciononostante, con la leggera speziatura del pollo e i ricordi degli ingredienti originali, può portare in tavola un pizzico di quel buonumore di Marrakech, a girare tra un riad e l’altro in cerca del tagine migliore. E, soprattutto, con pochissimo sbattimento!

 

Procedimento

 

-Tagliate il petto di pollo (più o meno mezzo petto) a metà per il lungo, quindi da ogni metà ricavate 3 ‘strisce’ di pollo (nei supermercati vendono i filettini che sono molto pratici, teneri e non vanno nemmeno tagliati). Fatelo marinare assieme alle prime 4 spezie, al sale e a 2 cucchiai d’olio, lasciandolo riposare in frigo per almeno mezz’oretta.

-Passato questo tempo, fate scaldare in una padella capiente il restante olio EVO assieme ai semi di cumino. Quando inizieranno a scoppiettare allegramente, aggiungete la cipolla tagliata a fette, l’aglio in camicia e il limone, semplicemente tagliato a metà e con la parte tagliata a contatto con la padella. Fate stufare la cipolla muovendola in continuazione per una decina di minuti (ma lasciate il limone ben fermo al suo posto). Se si secca troppo potete aggiungere un cucchiaio dell’olio delle olive, darà anche un buon sapore.

-Spostate quindi tutto il contenuto della padella da un lato e appoggiate i filettini di pollo marinato a contatto con la padella calda, lasciandoli cuocere immobili, a padella coperta, per 4 minuti per lato, finchè saranno ben colorati.

-A questo punto salate e pepate, aggiungete le olive, l’acqua, mescolate bene e dopo aver coperto la padella fate cuocere a fuoco minimo per dieci minuti, girando il pollo a metà cottura.

-Fate quindi riposare la carne per 5 minuti sempre coperta, quindi cospargete di prezzemolo tritato fresco e servite, spremendo un pochino il limone sulla carne per un po’ di profumo extra!

Se invece volete provare un’alternativa più nostrana, il mio pollo al marsala e funghi è una piccola bomba!