Tacos al Campiòn, per vincere l’odio

In questo travagliato periodo storico, dove tutti inventano notizie a muzzo per suffragare le proprie idee politiche o strampalate teorie scientifiche, i più attenti (per non dire i meno idioti) tra di noi hanno iniziato a capire quanto può essere pericoloso per l’ordine pubblico credere alle cagate. Ovviamente non tutte le fake news condividono lo stesso potenziale dannoso ed eversivo, e quella che vi sto per propinare rientra appieno nella categoria delle innocue, a cui credere beatamente senza correre nessun rischio, a meno che non abbiate qualche problema di colesterolo.

Pare infatti che un’università privata della città di Puebla, Messico, dopo un lungo periodo di ricerche sul campo e in laboratorio, abbia concluso che i Tacos al Pastor, lo street food planetario a cui la stessa località messicana ha dato i natali nel primo dopoguerra, siano molto più salutari delle barrette di Granola, quelle per intenderci con avena, muesli e frutta secca che tutti noi associamo a un regime alimentare sano e controllato. Confrontando i valori nutrizionali, le piccole tortillas che avvolgono carne di maiale marinata, ananas e salse varie sarebbero molto più equilibrate delle barrette da colazione, con un contenuto superiore di proteine e, a parità di peso, inferiore di grassi e calorie.

E’ vero? Chi lo sa. Verosimile? Direi di no. Comprometterà gli equilibri mondiali, a parte quelli della bilancia? No di certo, e quindi perchè, una volta tanto, non lasciare in soffitta la verosimiglianza e sostituire la merendina confezionata con un concentrato di maiale e piccante felicità? Tanto, di riffa o di raffa, nella vita tutti siamo stati almeno una volta analfabeti funzionali, e quindi tanto vale esserlo per un buon motivo, qualcosa che non porti ad odiare un gruppo etnico per esempio. Anzi, il Tacos al Pastor è una ricetta che ha fatto il giro del mondo, partita con il kebab dal medioriente per approdare alle coste del Golfo del Messico, e quindi sbranarsene uno porterà più amore a tutti, ai Messicani, ai Siriani, ai piloti di navi transatlantiche: un tripudio d’amore, in barba a chi con le fake news pensa di seminare solo odio.

Questi, per la cronaca, non sono dei veri Tacos al Pastor, ma una ricettina-bomba figlia di un pomeriggio pigro che non vi deluderà. Nella marinatura c’è della pasta di Ajì Panca, un peperoncino peruviano davvero speciale, che potreste acquistare online o sostituire con peperoncini freschi. Non avevo in casa dell’ananas, che ci starebbe benissimo, e quindi ho aggiunto un po’ di baba ganoush. Sentitevi liberi di metterci dentro quel diavolo che vi pare. Ma sempre con molto amore.

Ricetta dei Tacos al Campion (x 2 affamati)

6 tortillas medie, di grano o di mais
500 gr di coppa di maiale a fette (la carne, non il salume!)
100 ml di passata di pomodoro
1 cipolla rossa di medie dimensioni
2 spicchi d’aglio (o un cucchiaino raso di aglio in polvere)
Mezzo cucchiaino di pepe bianco
1 cucchiaino di cumino
2 chiodi di garofano
40 ml di olio (EVO o altri vegetali)
Il succo di 1 lime
2 cucchiai di pasta di peperoncino, oppure peperoncini freschi a piacere
60 gr di provolone, a striscioline
Mezza ricetta del mio Baba Ganoush, oppure qualche fetta di ananas grigliato

Procedimento

Macinate le spezie (Cumino, chiodi di garofano, pepe bianco). Unitele in una boule a pomodoro, cipolla tagliata in quarti, aglio, olio, succo di lime e pasta di peperoncino (o i peperoncini freschi) e passate il tutto al pimer, fino ad ottenere una salsa liscia ed omogenea.
Con questa salsa, fate marinare le fette di coppa di maiale in frigorifero per almeno due ore (fino a quante ne volete, anche a tutta la notte).
Una volta marinate, cuocetele alla griglia, oppure in una padella con un filo d’olio, finchè il maiale non sarà cotto all’interno (ma non stracotto, dovrebbero bastare tre minuti per lato).
Trasferitele in un piatto e tenetele coperte con dell’alluminio fino a quando vi serviranno.

Scaldate le tortillas su una piastra per qualche minuto in forno, quindi tagliate il maiale a striscioline e, se nel frattempo si sarà raffreddato, fatelo ravvivare in padella per un paio di minuti. Mettete su ogni tortilla qualche fettina di ananas grigliato (o una generosa cucchiaiata di baba ganoush), abbondante maiale e una spolverata di provolone, quindi mettetele nel forno alla massima potenza e molto vicine alla resistenza superiore finchè il formaggio non si sarà sciolto. Guarnire con quello che avete, io avevo del basilico che, in caso usaste il baba ganoush, ci starà a meraviglia.