#thestew: la ricetta più famosa del web

Difficoltà:

TEMPO:

45'

Dose:

Su instagram, un mesetto fa, è successa una cosa assurda. Succedono tante cose assurde lì, per carità, tipo i tronisti che due puntate dopo la loro comparsa hanno già tre milioni di followers rispetto a un vocabolario di italiano parlato di circa seicento parole, ma non è questo il punto. La cosa assurda è che uno stufato di ceci e curcuma è diventato un hashtag, ad oggi usato quasi 4000 volte. Questo stufato speziato, cremoso, nato dalla cucina di Alison Roman che è una delle più accreditate giornaliste e ‘creatrici di ricette’ (un mestiere in Italia ancora ignorato) del New York Times, è diventato per il mondo #thestew. Una mania a cui nessuno degli appassionati di cucina anglofoni è riuscito a sottrarsi, come potete vedere.

E ce ne sono migliaia su migliaia. Se da una parte Alison Roman non è nuova a questo tipo di exploit (i suoi cookies al cioccolato e fudge avevano già fatto il giro del web più volte ai tempi), c’è da dire che non avevo mai assistito a un fenomeno del genere. Perchè non stiamo parlando di un cibo (che ne so, la pizza) con caratteristiche specifiche abbastanza generiche (farina, pomodoro, mozzarella) che viene preparato un po’ da ciascuno come diavolo gli pare, oltre che servito dai ristoranti di tutto il mondo. Non stiamo parlando nemmeno di una moda, come quella dei waffle, che ha sì invaso le cronologie di instagram ma ognuno con le sue dosi, con i suoi condimenti, con il suo viaggio. Qui è la stessa medesima ricetta, replicata all’infinito da infinite persone, con gli stessi ingredienti, lo stesso impiattamento e soprattutto la stessa autrice. Fidatevi, è qualcosa di gigantesco.

Addirittura alcuni psicologi si stanno interrogando su questo successo. Io, invece, che non ho nessuna conoscenza di psicologia ho dovuto operare nell’unico modo che conosco: cucinare. Ho seguito la ricetta di #thestew passo a passo, nessuna modifica, tranne quelle autorizzate dall’autrice che riguardano, essenzialmente, il tipo di fogliame da aggiungere a fine cottura. Ci sono varie scelte e io, per una serie di motivi, ho optato per gli spinacini. Il risultato finale è stato una bomba, un piatto ricco, pungente, cremoso, naturalmente dolce e fortemente sapido. Lo cucinerò altre mille volte, ne sono abbastanza certo. E visto che in Italia, dopo due mesi, ancora tutto tace, vi do anche la ricetta tradotta. Provatelo, fidatevi, per una volta che la viralità ci porta a conoscenza di qualcosa di diverso da una foto della Kardashian (con tutto il rispetto, eh!).

Ricetta del #thestew, stufato speziato di ceci con latte di cocco e erbe (di Alison Roman)

Ingredienti (x 3/4 persone)

60 ml d’olio EVO
4 spicchi d’aglio tritati
1 grossa cipolla dorata tritata
1 pezzettino di zenzero da 5 centimetri, tritato
Sale e pepe
Un cucchiaino e mezzo di curcuma
Un cucchiaino di peperoncino in fiocchi
2 lattine di ceci, lavati e sciacquati
2 lattine di latte di cocco
450 ml di brodo di pollo, o di verdura
1 mazzo di bietole, o di cavolo nero senza gambi e tagliati a pezzetti (oppure erbette, spinaci o spinacini interi)

Per guarnire:

Un bicchiere di foglie di menta
Yogurt
Curcuma
Fiocchi di peperoncino
Olio EVO

Procedimento

Scaldate l’olio in una capiente casseruola a fuoco medio. Aggiungete aglio, cipolla e zenzero. Regolate di sale e pepe e cuocete, mescolando ogni tanto finchè la cipolla non diventa trasparente e inizia a fare la crosticina sui bordi, circa 5 minuti.

Aggiungete la curcuma, il peperoncino e i ceci e regolate di sale e pepe. Fateli cuocere mescolandoli frequentemente per 10 minuti. Devono sfrigolare, e quando inizieranno a rompersi e a diventare leggermente croccanti mettetene da parte due cucchiai a testa per guarnire.

Con un cucchiaio di legno, rompete i ceci rimasti nella pentola perchè rilascino l’amido che contengono: questo aiuterà ad addensare lo stufato. Aggiungete il latte di cocco e il brodo, regolate di sale e pepe e portate a leggera ebollizione, mescolando di tanto in tanto per 30-35 minuti dal momento del bollore. Ma capirete voi quando avrà la densità che desiderate.

Aggiungete il fogliame che avete scelto (io gli spinacini) e cuocete ancora per qualche minuto in base alla scelta (gli spinacini in 2 minuti sono pronti, il cavolo nero ci metterà di più. Regolate ancora di sale e pepe.

Impiattate in piatti fondi e decorate con un cucchiaio di yogurt, due dei ceci che avevate messo da parte, peperoncino, foglie di menta e un bel filo d’olio e, se volete, un pizzico di curcuma sullo yogurt. Da mangiare con delle tortillas, della pita o delle piadinette, qualsiasi pane non lievitato abbiate in casa. Ecco a voi #thestew!